istanti di bellezza
Vai ai contenuti

Menu principale:

Conversione di Saulo

Vetrina > Il mio museo

Conversione di Saulo
(1601) - Caravaggio - Chiesa di S. Maria del Popolo

Opera in olio su tela (230 x 175 cm), realizzata da Caravaggio nel 1601.  La scena ritrae il momento culminante della conversione di Paolo: quello in cui a Saulo, sulla via di Damasco, appare Gesù Cristo in una luce accecante che gli ordina di desistere dal perseguitarlo e di diventare suo «ministro e testimone». Sono presenti nella scena un vecchio e un cavallo, il quale, grazie all'intervento divino, alza lo zoccolo per non calpestare Paolo. La luce proveniente dall'angolo in alto a destra, scivola sul corpo del cavallo e abbaglia la figura del santo, caduto a terra. E' il momento preciso in cui Dio si manifesta: Dio non è presente, ma si dà nella luce, simbolo della Grazia Divina che redime chi accoglie la salvezza. Il vecchio non vede e non si accorge di nulla come l'umanità che non vuole riporre la propria speranza e la propria fede in Dio. Il realismo del Caravaggio, che scaturisce dal profondo contrasto tra chiaro e scuro, tra luce e ombra, si mescola al simbolismo religioso che la luce (il Bene) assume nella lotta contro il male e l'oscurità.

Michelangelo Merisi detto Caravaggio

Caravaggio costituisce per l'arte, tra il Cinquecento e il Seicento, la modernità. Allievo a Milano di Simone Petranzano, si reca a Roma nel 1592, appena ventenne, dove fece apprendistato presso diversi pittori fino a che nel 1596 fu accolto in casa del cardinal Del Monte grazie al quale gli vengono commissionati importanti dipinti. Il suo carattere ribelle e il suo coinvolgimento in episodi di violenza, gli procurano continuamente noie con le autorità di polizia costringendolo ad una vita da fuggiasco, in cui si alternano successi e sventure. Dopo aver ucciso un giovane in una disputa è costretto a fuggire dapprima a Napoli, poi a Malta, quindi in Sicilia.  In attesa della grazia da parte delle autorità pontificie, tenta il ritorno a Roma. Approda sulla spiaggia di Porto Ercole, ma ormai debilitato e colpito dalla malaria muore in una locanda, in solitudine, qualche giorno prima che fosse annunciata l'approvazione della domanda di grazia.
Caravaggio rappresenta uno dei cardini fondamentali della pittura italiana ed europea, la sua arte, profondamente classica, segna l'inizio della pittura successiva, sia per il naturalismo nella scelta dei soggetti, sia per il suo particolare luminismo, ottenuto da un gioco di luci che movimenta il dipinto, sintetizzando con pochi elementi tutta l'umanità della sua arte.

Torna ai contenuti | Torna al menu