istanti di bellezza
Vai ai contenuti

Menu principale:

Quattro Fontane

Sguardi > Fontane

Le Quattro Fontane

via delle Quattro Fontane - rioni Monti, Trevi e Castro Pretorio
Le fontane si trovano negli angoli dei quattro edifici situati all’incrocio di Via delle Quattro Fontane con Via XX Settembre, ciascuna all’interno di una nicchia. Furono realizzate tra il 1588 e il 1590, durante il pontificato di Sisto V, ad ornamento del quadrivio formato dalla Strada Pia (odierna Via XX Settembre) con la Strada Felice (odierna Via delle Quattro Fontane), quest'ultima aperta dallo stesso papa per congiungere la chiesa di Santa Croce in Gerusalemme con la Trinità dei Monti, passando per la basilica di Santa Maria Maggiore.
Erette nella caratteristica tipologia a parete, le fontane sono costituite da un bacino semicircolare in travertino addossato a una nicchia all'interno della quale si trova una statua distesa dinanzi a uno sfondo che riproduce un ambiente fluviale. Due statue di divinità fluviali caratterizzano il versante orientale: il personaggio virile barbato accompagnato da un leone raffigura probabilmente il fiume Arno, mentre la divinità fluviale con cornucopia piena di frutta e lupa capitolina rappresenta il Tevere. Le statue collocate negli angoli del versante opposto, sono invece due divinità femminili, Giunone e Diana, e rappresentano rispettivamente la Fortezza e la Fedeltà. Giunone è accompagnata da un leone e un pavone, mentre Diana ha accanto un cane e la luna semi-nascosta fra i capelli.
Il complesso delle Quattro Fontane ricade nel territorio di tre diversi rioni che hanno la loro linea di confine proprio nel quadrivio. In particolare la fontana dell'Arno appartiene a Castro Pretorio, quella del Tevere, è nel rione Monti, mentre le restanti due fontane con le figure femminili appartengono al rione Trevi.
Numerosi sono stati i restauri subiti dalle quattro fontane nel tempo: il più recente si è concluso a marzo 2015 e ha liberato, dagli effetti  dell’inquinamento atmosferico che le ha ricoperte nel corso degli ultimi venticinque anni e riportate ai loro colori originali.

Sergio Natalizia - 2015

Torna ai contenuti | Torna al menu