istanti di bellezza
Vai ai contenuti

Menu principale:

Tor Margana

Sguardi > Sensazioni d'antico

Tor Margana - piazza, via e vicolo Margana - Rione S. Angelo

L'area di Tor Margana, come l’omonima piazza, la via e il vicolo, prende il nome dai Margani, una delle famiglie baronali della Roma medievale, che qui ebbero le loro case e soprattutto la torre del XIV secolo. Tutta la zona è caratterizzata da un’edilizia che spazia tra il XIV e il XVIII secolo in una specie di incastro di stili, nel quale si inseriscono anche frammenti di secoli più antichi, in modo da costituire un suggestivo percorso architettonico. La torre, suddivisa all’interno in tre piani, ha perduto buona parte della sua consistenza originaria a seguito di un crollo avvenuto nel XIV secolo: fra la porta d'ingresso e la finestra del primo piano sono inseriti nel muro due frammenti romani, uno raffigurante un'aquila e l'altro un motivo floreale. Il complesso situato sulla sinistra della torre è invece cinquecentesco. Sulla piazza si trova il seicentesco Palazzo Maccarani, poi Odescalchi, con al piano terra sei finestre architravate e portale non in asse; mentre sette si aprono al piano successivo e al terzo. Il cortile, adornato da iscrizioni e frammenti antichi, racchiude un ninfeo. Di fronte, il palazzetto Capocci del cinquecento ed il palazzetto Albertoni, a due piani di sei finestre architravate di travertino, con un portoncino del quattrocento con sovrastante finestrella dove si trova lo stemma degli Albertoni. Piazza Margana costituisce sicuramente uno dei luoghi più armoniosi di Roma.

Sergio Natalizia - 2012

Torna ai contenuti | Torna al menu