istanti di bellezza
Vai ai contenuti

Menu principale:

Pe' Lungotevere

Racconti > Percorsi

Pe' Lungotevere

Lì sotto l'arberi de Lungotevere, le coppie fileno, li baci scrocchieno........
si nun sei pratico de regge moccoli, pè Lungotevere nun ce passà!


Scritta e musicata da Balzani e Frapiselli all’inizio degli anni trenta, “Pe’ lungotevere” fu definita "la canzone che tutta Roma canta". Descrive il lungotevere quando ancora non era una strada di scorrimento veloce, ma il luogo ideale per passeggiate romantiche tra innamorati. Ai giorni nostri non lo è sicuramente più, ma una passeggiata sul lungotevere permette ancora di scoprire un fiume pieno di storia, protagonista a volte dimenticato che ha sempre svolto un ruolo di primo piano nella storia di Roma. Vedere Roma dal lungotevere vuol dire, ancora oggi, rivivere quell'atmosfera lontana e cogliere la dimensione più vera di una città che è nata e si è sviluppata in funzione del suo fiume, e, di un fiume, che vive in simbiosi con la sua città. Poi, lo spettacolo di Ponte Sant'Angelo, di Ponte Sisto, dell’Isola Tiberina al tramonto è talmente fantastico che forse le parole non possono spiegare tanta bellezza.

Lungotevere Marzio

sguardo verso ponte Umberto I

sguardo verso ponte Sant'Angelo

ponte Sant'Angelo

ponte e Castel Sant'Angelo

ponte Vittorio Emanuele II

ponte Principe Amedeo

ponte Mazzini

reflessi di ponte Sisto

ponte Sisto

isola Tiberina da ponte Garibaldi

ponte Cestio e isola Tiberina

ponte Palatino

sguardi da ponte Sublicio

complesso del San Michele da ponte Sublicio

Ripa Grande

Sergio Natalizia - 2014

Torna ai contenuti | Torna al menu